menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
ArrasAgain

 

Arazzi dal Medioevo. Racconti e personaggi estrapolati dal loro tempo e calati nel contemporaneo.
Di nuovo un tema storico quindi, ma rispetto a GoSavedTheQueen, non c'è pomposità né gloria, bensì una ordinaria quotidianità velata di malinconia romantica e spirito cavalleresco.

 

DINO VALLS

LAMIJA SULJEVIC - ph Stefan Zschernitz

 

Pulzelle disincantate, dall'aspetto indifeso, ma dall'animo guerriero.
Così la donna, nodo centrale del tema, si riappropria della propria importanza partendo dall'epoca più infelice per la sottomissione femminile. Si riconosce nella forza della giovane d'Orléans, ma consapevole e fiera della propria sensuale audacia che tanto spaventava la chiesa inquisitoria.
Al contrario l'uomo viene rappresentato più mesto. Stanco e provato dalle battaglie, lascia gloria e fierezza alle spalle, mimetizzandosi tacitamente nell'incurante folla.

 

 

È un'influenza estetica questa che arriva dalla televisione, in cui l'incredibile successo di Game of Thrones ha lasciato silenziosamente dilagare un sapore dall'animo medievale, che lentamente ha investito le diverse arti.
La moda fra tutte ci propone così diversi esempi, tutti di spiazzante e straordinaria attualità, in cui capi, materiali e ricami dell'età di mezzo si insinuano nelle collezioni. Palesandosi più o meno, si riconosce comunque un'allure nostalgica che riconduce il ricordo alle vesti di popolane feudali e di esausti cavalieri.
Divertente e degno di nota è infine l'approccio ludico della street art, che scova le espressioni più ridicole dei personaggi rappresentati sui dipinti di allora per calarli in situazioni quotidiane. Il risultato è uno spensierato gioco di confronti e collage, con la leggerezza che è peculiarità dell'arte di strada.

 

KEHINDE WILEY

LORENZO CASTELLINI (art.lies) | Aircollage

 

Un arazzo metropolitano che racconta i nostri giorni.
Del resto questo è il NuovoTristeEvo, un'epoca di delusi e demotivati vassalli, che nemmeno sognano più lo sfarzo e l'opulenza.
Rimaniamo dunque in attesa di un'eroina o di un eroe che coraggiosamente ci apra la strada ad un fausto, nonché inevitabile, futuro.

 

editorial: Maira Passuello

color card: Monica Montanaro