menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
ArrasAgain

 

PHOTO FOCUS:

SINDROME MEDIEVALE

Il mondo della fotografia è attraversato sempre più spesso da tracce di medioevo e del suo "crepuscolo" rinascimentale.

 

LIVIA ALCALDE + DIANA AQUILA | Fucking Young! Online editorial

 

Fucking Young, con il lavoro di Livia Alcalde e Diana Aquila, riprende l'iconografia del sacro e del cavalierato tipica del Medioevo per rielaborarla in chiave contemporanea. I colori sul volto dei modelli ci rimandano alle tele e agli arazzi d'epoca, quasi non si trattasse di soggetti reali ma bensì di immagini disegnate, pennellata dopo pennellata.
Le espressioni plastiche, drammatiche, il prevalere del simbolico, sia esso religioso o pagano, rivela un connubio tipico dell'età di mezzo. La calzamaglia del cavaliere è alternata alla corona della nobiltà, le bende avvolte sui polsi a coprire le stigmate, tutto questo parla di un mondo lontano eppure ancora capace di affascinarci. 

 

CHRISTIAN TAGLIAVINI - 1503

 

In occasione della Biennale Internazionale di Fotografia a Bogóta, in Colombia, Tagliavini si impegna nella ricostituzione fotografica di personaggi ritratti nei quadri rinascimentali - epoca in cui la struttura medioevale viene ridiscussa a partire dai suoi canoni fondamentali. L'arte perde in contenuto simbolico, per evidenziare la bellezza intrinseca dell'umanità: i volti parlano per sé come in queste foto in cui i tratti del viso, espressivi o severi, sono i veri protagonisti, assieme ai dettagli dei vestiti e delle pose che parlano delle loro esistenze. 

 

BEN TOMS + ROBBIE SPENCER - Dazed Magazine editorial

 

Concludiamo con la serie di Dazed Magazine, tramite l'obiettivo di Ben Toms con lo styling di Robbie Spencer, in cui l'attrice che impersona Arya Stark, Maisie Williams, in Games of Thrones impersona una serie di figure femminili liberamente ispirate all'epoca rinascimentale e medievale, in cui compaiono accostamenti anacronistici tra broccati e scarpe da ginnastica, sacchi di yuta e dettagli preziosi, celebrando la femminilità attraverso canoni estetici e temporali sovrapposti, ma riconoscibili.
La sindrome medievale è diffusa, e miete molte vittime: siamo tutti un po' influenzati. La convalescenza sarà lunga, e sorprendentemente gradevole.

 


credit: Alba Nabulsi