menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
ComingMoon

 

La luna come figura centrale, e l'esplorazione di nuovi mondi, a metà tra curiosità ed evasione.
Una visione nostalgica e rammaricata, a volte ridicolizzata, degli anni di fervore in cui si supponeva di vivere altri pianeti entro il 2000.

 

OLAF STAPLEDON - Star Maker

MATT SCHUSTER

 

Si ritrovano qui tutti gli elementi più caratteristici della cultura sci-fi, in quello che era una previsione più avanguardista del futuro di quanto non si possa concepire oggi.
Le scoperte dell'epoca avevano diffuso un entusiasmo tale, che ogni settore ne viveva l'influenza. Il design in particolari modo si è popolato una sovrapproduzione di oggetti e ambienti che arrivavano direttamente da influenze cinematografiche.
Ed anche oggi è sempre il design protagonista di questo tema, proponendo elogi concettuali all'ipertecnologia vintage. Lampade che ricreano la magia luminosa dell'eclissi o occhiali multistrato concepiti per evocare la riproduzione cellulare.
I contrasti cromatici chiudono quindi il cerchio, riportandoci i toni laccati del bluette, e le trasparenze ofuscate del cadmio.

 

TOPMAN - fw15 lookbook

FASPER FLORIO

 

La circonferenza è dunque il punto centrale, da cui parte tutto. Celebrazione della perfezione compositiva, ma anche rimando inconscio alla luna, satellite di innata bellezza, che attrae a se forze e pensieri.
Una parentesi divertente deriva dalla fotografia, che deride la frivolezza contemporanea che indebolisce la grandezza della mente umana. Fra tutte, l'opera di Julien Mauve ci restituisce questa visione malinconica, mostrandoci e chiedendoci come la generazione selfie sia inspiegabilmente figlia di chi è riuscito a raggiungere nuovi mondi.

 

DECON - Meteorite Shoes

KATERINA KALOUDI- Microcosm Macrocosm - detail

 

Un tema su cui si torna e si tornerà sempre.
La luna, potente e romantica figura che vive di attrazione, è una musa silente che eternamente si vedrà dedicare opere e odi.

 

editorial: Maira Passuello

color card: Monica Montanaro