menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
FluidiFly

 

Fotogrammi tridimensionali di una fluida casualità rubata.
È la concreta esplosione del tema monocromatico. Il colore basico, piatto e primario, avvolge e uniforma tutto il contesto.
Non esistono nemmeno sfumature, ma solo un colore monotono che ha il compito di donare finzione ad un oggetto reale.

 

SEBASTIAN ERRAZURIZ

EM POM PORTUGUES

AKATRE

 

È la curiosità e la sorpresa solleticata dalla tecnologia della stampa 3D, dove per ragioni tecniche vediamo piccoli e grandi prototipi di straordinaria complessità modellati da materie plastiche monocromatiche.
Sembra che il mondo si stia adeguando ad un'esigenza.
E allora anche quello che non nasce dalla stampa tridimensionale si mimetizza. Coperto da violente esplosioni di colore e sensuali colature il risultato non cambia: una velatura uniforme di colori primari.
Di particolare rilevanza è l'uso purificante del bianco. Bianco che santifica e plastifica, fungendo spesso da base per un'ulteriore copertura di forti tinte laccate.

 

SEBASTIAN ERRAZURIZ

AKATRE - SIRHA

 

E ci troviamo così di fronte a magnifici esempi di quegli attimi immortalati mentre un fluido si infrange. Togliendo il trono alla fotografia come unica tecnica in grado di fermare il tempo, il design si prende la sua rivincita, donando ad un fotogramma la capacità di trasformarsi in un solido complesso.

 

MICHAEL CRICHTON

TAKESHI YASUDA

NICK VAN WOERT

 

Il futuro è destinato a cambiare.
Immagino la scomparsa di molti negozi di oggettistica e arredamento, che cedono il posto a shop online di modelli 3D pronti per la stampa casalinga di articoli d'uso comune. Prima o poi ci troveremo all'interno di stanze interamente monocromatiche. Tra sogno e incubo la distanza non è mai stata così breve.

 

editorial: Maira Passuello

color card: Monica Montanaro