menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
LiarMirror

 

DESIGN FOCUS:

RIFLESSO D'ARTE

 

Abituati all' elementare utilizzo che ne abbiamo sempre fatto, molti di noi potrebbero ritrovarsi a non capire o apprezzare fin da subito il genio celato in queste creazioni.
Queste nuove opere di design vedono l'utilizzo di specchi non più come oggetti votati al singolo utilizzo di riflessione ma li vedono trasformati in vere e proprie opere d'arte.
Dimentichiamoci il primitivo utilizzo che ne abbiamo sempre fatto e perdiamoci nelle più stravaganti reinterpretazioni di questi.
Dalla riproduzione di elementi naturali e misteriosi, a specchi che danno la possibilità di prospettive diverse.

BENJAMIN GRAINDORGE - Mirage Mirror

THE PRACTICE OF EVERYDAY DESIGN

FREDRIK SKÅTAR - Vibration Mirror

 

E' il caso di citare l'opera di Benjamin Graindorge che crea una serie di specchi con uno sfondo di nubi in tempesta, o come il Vibration Mirror di Fredrik Skåtar, che cerca di fermare il tempo e ci riesce con questa creazione. Riprodurre sul vetro proprio quell'istante d'increspatura sulla superficie dell'acqua trasformandolo in vera e propria scultura.
Pensano invece a scenari fantastici ed un pò misteriosi The Practice of Everyday Design nella creazione di Pretty in Prison Mirror che vuole scenari fantastici celati da specchio sbiadito.

JEREMY MURIER AND DANIEL MARTINEZ - Signs Mirrors

HALB/HALB - #180 Mirror

NICK ROSS - A Mirror Darkly

 

Diverse ma appartenenti allo stesso pensiero sono le opere come gli specchi composti da due pezzi dei designers Jeremy Murale e Daniel Martinez o lo specchio sfaccettato di Halb/Halb che permettono la visione di due prospettive diverse.
Dimentichiamoci l'utilizzo elementare che ne abbiamo sempre fatto e perdiamoci nelle più stravaganti reinterpretazioni di questi. Chi avrebbe mai pensato che da un oggetto che noi tutti consideriamo votato al puro uso pratico potessero nascere dei veri e propri manifesti del design contemporaneo? A volte un oggetto ha bisogno di perdere la sua essenza per ritrovare il compimento di esso, in questo caso nell'arte.


credit: Anna Trentin