menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
Marblellous

 

DESIGN MINIMAL FOCUS:

STONE AGE

Ampiamente annunciato negli scorsi due anni da un sempre più insistito uso dei materiali lapidei nei progetti dei giovani designer, al Fuorisalone 2014 il marmo è diventato "il" materiale, il più interessante, il più sperimentale, il più Hip.
Consacrato da progetti importanti, come quello che ha visto a Lambrate Stefano Boeri, Stefano Giovannoni, Alessandro Mendini e Paolo Ulian confrontarsi col marmo di Carrara con risultati decisamente scenografici e confermato in una miriade di progetti più contenuti nelle dimensioni ma non meno sorprendenti, come i delicati bicchieri da vino di Lee Broom.

 

LEE BROOM - Glasses

 

Numerose sono le ragioni di questa riscoperta, tra le quali penso ci sia sicuramente una reazione all'uso di materiali sintetici e tecnologici, che spesso non invecchiano bene. La ricerca della durata e della dimensione simbolica è uno degli aspetti più interessanti dei progetti dei giovani designer, decisamente orientati a superare il concetto di usa e getta.
Un progetto significativo, recensito anche nel mio blog, è Stone Age, l'oggetto da scrivania di Jinsik Kim, che rende un semplice portapenne quasi un mini Dolmen.

 

JINSI KIM - Stone Age

 

Ma i risultati più interessanti sono quelli dal sapore surrealista, quando il marmo è decontestualizzato e utilizzato in maniera sorprendente, come nei visual di Clementine Keith-Roach, che trasforma grazie al marmo rosa, oggetti ormai inutili come i vecchi telefoni fissi, in icone preziose ma allo stesso tempo disfunzionali a causa del peso del materiale.

 

CLEMENTINE KEITH-ROACH - Marble Telephones

 

Quindi, nonostante il trend marmoreo abbia un peso specifico significativo, le sue declinazioni sono tutt'altro che pesanti e severe, ma anzi spesso ironiche e provocatorie.

 

OS ∆ OOS - Primary Fluorescent

 

Altrettanto sorprendenti sono gli oggetti illuminanti Primary Fluorescent di OS ∆ OOS, che invece non sono di marmo, ma lo simulano. Dove ci si aspetta durezza e pesantezza si trova invece un oggetto di morbida e leggera schiuma di poliuretano!

 


credit: Diego Zanella