menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
Megaphysics

 

Nuova metafisica, dove il concetto spazio-temporale riscompare, in un enigmatico nuovo mondo parallelo visto in assonometria.
Soggetti ironici ma tormentati, in una palette colori ipersatura, che comincia con rarefatti toni pastello, fino a raggiungere striduli accostamenti dall'animo arido.

 

JAMES TOLICH - Emperors Garden

ANDREW B. MYERS

 

La maggiore innovazione la vediamo in fotografia, dove troviamo texture tridimensionali, composte da elementi disposti asetticamente in infiniti piani a campitura piena.
Caratterizzati da assenza di personaggi e accostamento di oggetti che apparentemente non hanno alcun collegamento l’uno con l’altro, se non per un perfetto equilibrio cromatico e stilistico, troviamo piccoli elementi, disposti in uno schema rigido, dato da una regolare gabbia grafica posta a 45°.

 

JAIME HAYON FOR PAOLA - New Roman Collection

KNAUF & BROWN - Florist Chair

 

In pittura troviamo citazioni più esplicite ai grandi maestri. Descrivendo soggetti ambigui, ci catapulta in ambienti familiari ma sterili e dai toni freddi, coperti da una sottile angoscia.
Il mondo video è invece l’ambiente che più gioca con questo tema, combinando spazi interminabili in loop a innocue assurdità. Strizzando anche qui l’occhio al surrealismo, vediamo situazioni bizzarre ma dal tono ludico, in un ambiente assonometrico, campito da una cartella colori dai toni infantili e rassicuranti allo stesso momento.

 

 

È interessante, nonché spiazzante, l'ossimoro fra rigidità compositiva e questo libero nonsense stilistico.
Una guida statica, all’interno della quale si può spaziare nel totale dinamismo. In altri termini, la creatività è caos senza il controllo.

 

editorial: Maira Passuello

color card: Monica Montanaro