menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
MementoDeliria

 

PEOPLE FOCUS:

INSANE INTERVIEW

Dopo aver scoperto la wonderful collection in-sane, non potevo far altro che una chiacchierata con chi questa collezione l'ha fatta. Nonostante nottate in aeroporto, ritardi aerei e code infinite per manifestazioni sono riuscito a raggiungere Michele Cadelano, neo fashion designer appena laureato allo IUAV. La sua collezione non si ispira all'arte o alla natura, bensì agli ospedali psichiatrici, entrando perfettamente nel mood del trend e conquistando tutti quanti. Dalla pubblicazione su fucking young è apparsa in tutti (ma proprio tutti) i magazine, blog, e non solo visto a quanto mi racconta M: "non esiste tumblr porno-gay sulla terra che non abbia ribloggato la mia collezione". Ospedali psichiatrici, malattie mentali, pazzi: in-sane collection, forse, ma non proprio.

 



 

ECH: Michele, da dove trae ispirazione la tua collezione? Qual'è stato il percorso che hai affrontato?
MC: In realtà non ho affrontato una vera e propria ricerca, sono rimasto molto colpito dall'ultimo libro di Cristopher Payne, "Asylum: Inside the Closed World of State Mental Hospital": un saggio di Oliver Sacks e una raccolta di scatti fotografici di ospedali psichiatrici ormai chiusi e in rovina. Il libro rende omaggio alla vita delle persone che una volta vivevano in questi luoghi, dove si poteva essere sia pazzi che al sicuro.

ECH: Pazzi appunto, come hai affrontato il tema della pazzia, delle persone che vivevano in quei luoghi?
MC: Non ho voluto aver a che fare nulla con la pazzia, tutt'altro. Mi è stato d'ispirazione Dream Hospital, un video degli anni '40/50, che ritraeva persone normalissime, la cui pazzia si delineava solo dai movimenti e dal comportamento. Infatti da questo ho ripreso anche la formalità degli abiti civili degli anni '40.

ECH: A proposito degli abiti, come hai scelto i materiali e i colori?
MC: Ho voluto ricreare un contrasto, proprio come il video. Ho scelto infatti materiali morbidi, e colori soft, pastello, tranne l'arancione, come gli abiti dei prigionieri. L'idea era proprio quella di cui stavamo parlando prima, di stupire, di ricevere proprio il contrario di quello che ti aspetti.

 


 

COLLECTION VIDEO INSPIRATION - Insane Asylum Patients from the 40's and 50's

COLLECTION BOOK INSPIRATION - Christopher Payne - Asylum


credit: Andrea Masato