menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
NeoMetric

 

In controtendenza a quanto successo originariamente, dove l'Op Art nacque come evoluzione dell'Astrattismo Geometrico, questo tema arriva dopo OpticaMe, come chiusura circolare di un approccio estetico generale.

 

MARI ISOPAHKALA - Scuptural Lights

MIUNIKU - Fall Winter 2013/14

NON SANS RAISON DESIGN

 

Nel corso degli anni si è visto un arricchimento del decoro tale, da divenire esso stesso il soggetto principale, distogliendo lo sguardo dalla vera natura dell'oggetto in questione.
Concentrandosi ora sulla qualità delle cose, l'oggetto viene via via spogliato dai fronzoli per raggiungere la sua vera essenza, prediligendo materiali puri, tinte piatte, colori primari.

 

DIOR HOMME - Spring Summer 2014

EVA ROOVERS

JEREMY MURIER

 

Le imperanti e basiche linee di costruzione consentono l'utilizzo del minor numero di materiali possibile nella disperata ricerca della leggerezza percettiva.
La cartella colori gioca un ruolo principale e torna alla tricromia basica con cenni di variazione sui toni dominanti, ma rigorosamente a campitura piena.
L'omaggio ai grandi maestri del Neoplasticismo è sfacciatamente evidente, ma il risultato è comunque un magistrale frutto della sperimentazione di materia e forma.

 

HRISTIAN HAUB - New Floats

DANIEL DUARTE - Timemachine

 

L'abolizione del superfluo nasconde in sé qualcosa di spirituale, come se in un'autoanalisi meditativa si sia giunti a capire quanto fossimo circondati dall'inutile.
O forse semplicemente, non abbiamo più nulla da inventare.

 

editorial: Maira Passuello

color card: Monica Montanaro