menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
OpticaMe

 

REPORT FROM MAN MILAN FASHION WEEK

 

 

Milano, MMFW: fashion show, aperitivi, cocktail e after party. Tacchi vertiginosi, cappotti over, pellicce, cappelli, iphone, ipad e reflex, corrono da una parte all'altra di Milano, per non perdersi nemmeno un evento.
Motore è la voglia di andare oltre, oltre quello che è il semplice pezzo di stoffa. Ricreare un mood dentro al mood: righe verticali, righe orizzontali, larghezze sproporzionate e riproporzionate, si distorcono in effetti ottici 3d psichedelici; ciò che potresti vedere solo dopo 5-6 drink e l'assunzione di qualche sostanza stupefacente ora lo si vede anche da sobri, è l'op-art!
E se ogni effetto ottico possiamo paragonarlo ad un drink, vi assicuro che dopo la fashion week siamo andati in coma etilico. La seguente selezione ne è la prova.

 

BURBERRY PRORSUM - Fall/Winter 2013/14

 

L'english style diventa animalier riproducendo effetti quasi troppo psichedelici. Per un Tarzan cittadino, che sembra tutto fuorché "un" Burberry.

 

CANALI - Fall/Winter 2013/14

 

Dalla Russia con furore, pellicce, Zar/Bolshevichi, geometrie micro e macro, per un uomo che non è solo sesso, soldi e vodka.

 

EMPORIO ARMANI - Fall/Winter 2013/14

 

La passerella di Re Giorgio non delude mai (slurp). non si capisce mai bene come e perché, ma optical o non optical si ha sempre la sensazione di essere ipnotizzati.

 

ICEBERG - Fall/Winter 2013/14

 

Semplicità, essenzialità: quadrati si dividono in triangoli (e non è dato sapere di che tipo), righe in altre righe (evvai), i colori si sormontano creando altri colori.

 

NEIL BARRET - Fall/Winter 2013/14

 

Più optical di così! Le immagini parlano da sole: loop tridimensionali monocolore smorzano l'effetto spaccamilaretina.

 

UMIT BENAN - Fall/Winter 2013/14

 

Texture e geometric è l'optical di Umit Benan, un'uomo ribelle e underground; se non altro Benan con la scusa di coprire il volto ha risparmiato sui modelli.

 

VIVIENNE WESTWOOD - Fall/Winter 2013/14

 

Trovarsi uomini con codesti capi in un volo aereo non sarà sicuramente sinonimo di tranquillità: come sempre molto eccentrico lo stile di Vivienne Westwood, che veste gli uomini in passerella come dei guerriglieri, o per meglio dire dei terroristi. Quasi tutti tessuti tecnici, con stampe pier de pull, per un risultato abbastanza deludente.

 


credit: Andrea Masato