menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
PopTribe

 

ART FOCUS:

THE TASTE OF WILDERNESS

Ricerca e decostruzione della figura umana: è questo che vediamo nelle opere di tre artisti diversi in questo art focus. L'aggettivo più consono diventa quindi antropomorfo, invece che umano: c'è, forse, il bisogno di riferirsi al conosciuto con l'esigenza di esplorare l'astratto.

 

JUN KANEKO

 

Sono figure che possono tendere a una linearità estrema fino a diventare dei blocchi geometrici, come le coppie di Heads di Jun Kaneko, dove l'una prende l'identità di "testa" solo perché l'altra ne ha il profilo per evidente.

 

MARINA GONZÁLEZ EME - Blackseries

 

Oppure, all'opposto, moltiplicare fattezze, come gli occhi, ed estenderle, per esempio gli arti, finendo col diventare quasi dei mostri (Marina González Eme), tradendo però in questo anche un po' della cultura iconografica sudamericana arrivata di ritorno in Spagna, paese che fu colonialista e terra d'origine dell'artista.

 

KICO NRIJNO

 

Il tutto con colori accesi, usati a macchie piene, giocando fra bidimensionalità e tridimensionalità carta, ceramica, argilla che diventa fotografia come nei lavori di Nico Krijno.

 


credit: Antonella Scambia