menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

    itaeng
WireWorld

 

FASHION FOCUS:

IL FILO DELLA CONOSCENZA

Un intreccio di materiali non convenzionali dove si fondono armoniosamente mohair, vimini, corde di plastica metalliche e di cuoio. Ad opera finita di tradizionale non rimane più nulla. Quella di Graham, canadese di origine cinese, è piuttosto un' ingegneria tessile innovativa: una proiezione tridimensionale per una visione futuristica dell'arte della tessitura.

 

GRAHAM

 

Per Julia Ramsey la fibra è magia, consistenza, manualità, e può creare una sorta di seconda dimensione: lo si legge nelle sue ragnatele che sono vere e proprie installazioni di fibre naturali con un'anima. Giocare con le forme strutturali che trasformano l'oggetto di per sé tessile: questo il punto di vista formale della designer Nur Gonzales, che analizza, rimarcando linee, luci ed ombre e definisce nuovi volumi.

 

JULIA RAMSEY

NUR GONZALES

 

Per il duo di tedeschi Nicole Goymann e Cristoph John un nuovo modo di pensare e immaginare la calzatura: le tomaie sono infatti ciocche di seta simili a capelli, ottenute da un particolare processo di tessitura che unisce la seta derivante da allevamenti di bozzoli Hangzhou, in Cina, a colla di seta naturale, la sericina. Il mix ottenuto è una fibra molto rigida, che potrebbe essere in futuro utilizzata per plasmare piccoli grandi sogni.

 

NICOLE GOYMANN & CHRISTOPH JOHN

 

Sono lontani, lontanissimi i tempi in cui Penelope disfaceva la tela che aveva tessuto durante il giorno come stratagemma durante l'assenza dell'amato Ulisse!

 


credit: Monica Montanaro