menuredazionecontattitwitterfacebookinstagrampinterestgoogleyoutube

      itaeng
theHunt

theHunt_what

The Hunt, è uno special event che vedrà come premi oggetti di design (gioielli, abbigliamento, opere d'arte...) messi a disposizione da giovani designer, tutti giovani e italiani, qualcuno già affermato.

theHunt_when

La caccia avrà inizio al party evento di presentazione ufficiale di EasyCoolHunting.


event_ECH

In seguiito, per tutta la giornata di domenica 23 giugno, dalle 9 alle 21, gli oggetti di design "compariranno" in momenti diversi e in luoghi diversi del centro di Milano, pronti per essere presi dal fortunato di turno.

theHunt_where

Tenete d'occhio il sito e i social network di EasyCoolHunting che verranno aggiornati in tempo reale: questa pagina, fan page di facebook, twitter e instagram.
L'unico indizio che si può dare al momento è: a EasyCoolHunting piacciono le sfilate di Milano Moda Uomo.



Alice Nordio

Nasce a Venezia, dopo la maturità scientifica frequenta un corso di modellistica e successivamente ha l' opportunità di lavorare in un ufficio prodotto. Durante un' estate a Londra decide di frequentare un corso sul fashion design che la spinge in seguito ad intraprendere il percorso universitario in design di moda all'Università IUAV di Venezia.
In linea di massima le piacciono i volumi morbidi, che favoriscono il movimento, capi basic e funzionali dalla linea pulita ed essenziale, tessuti naturali e colori neutri.

more info:
alice.nordio@gmail.com

amaZING

Federico, Elena e Carolina sono tre ragazzi accomunati dalla passione per la moda e la creatività.
Dopo essersi diplomati all'Istituto di Moda Burgo, la loro conoscenza é avvenuta durante uno stage.
Lavorando insieme hanno simpatizzato e deciso di creare una linea, Amazing, dedicata ad una donna originale, sorprendente, stupefacente.
Ognuno dei ragazzi ha quindi assunto nel tempo un ruolo preciso: Federico si occupa dell'aspetto creativo, stilistico, Elena e Carolina si dedicano maggiormente alla modellistica e alla confezione dei capi.
Insieme, quindi, i tre ragazzi uniscono le loro capacità creative e la loro immaginazione al fine di creare una collezione.

more info:
effe.zetta@gmail.com



Confezioni Crosby

La designer di Confezioni Crosby, Benedetta Antonelli, è nata e cresciuta a Padova, una città veneta in Italia. Mentre studiava a Parigi e in Italia, si è concentrata sulla filosofia. Appassionata di abbigliamento e della vita in quelle città stilo-centriche, ha potuto farsi le ossa nel campo della moda. Cominciando con uno stage presso Vogue Italia a Parigi, Benedetta si è completamente immersa nel mondo della moda, lavorando anche per una varietà di altre pubblicazioni che includono Madame Figaro, Velvet, Glamour e Elle.
Una volta completati gli studi, Benedetta si è trasferita a New York dove ha continuato a lavorare per il settore editorial di diverse testate di moda; avendo sviluppato un particolare feeling per l'abbigliamento utilitario e il minimalismo del suo deisgn, ha cominciato a lavorare come designer assistente presso Old Toledo Brands, un'azienda che produce uniformi e abbigliamento da lavoro. Lavorando lì si è costruita delle fondamenta solide nella produzione di abbigliamento e la possibilità di sviluppare le proprie abilità di deigner.
L'idea di creare una collezione per donna ispirata dal vero e proprio abbigliamento da lavoro maschile è stata un processo naturale, permettendole di combinare le sue esperienze passate nel campo della moda con le caratteristiche funzionali del design dell'abbigliamento da lavoro, che lei apprezza moltissimo.
La prima collezione di Confezioni Crosby, che ha debuttato nell'autunno 2011, consisteva soltanto di soprabiti. Da quel momento, il marchio si è espanso a nuove categorie, quali I vestiti, camicie, pantaloni e gonne. La linea Confezioni Crosby continua a crescere, mantenendo sempre presente l'estetica originale delle forme pratiche combinata ed equilibrata con tocchi più femminili.

more info:
sidney@kruppgroup.com

Sostilla

All'inizio Sostilla era un piccolo progetto artistico idealizzato nel 2010 dall'architetto e urban designer Stilla Graf, nata nella Germania Meridionale e che attualmente vive a Milano. Il progetto Sostilla è una rappresentazione diretta dell'enorme cornice di culture che la designer stessa vive giorno dopo giorno; qualsiasi cosa accada all'interno di questa cornice di vita influenza l'opera d'arte. L'iconografia bavarese trova connessioni dirette negli stili metropolitani di Berlino, Milano e Monaco, e non si tratta di gioielli o semplici accessori. I lavori di Sostilla sono piccole sculture di legno, pietra, acciaio o ottone, che si tengono in un palmo di mano. Di fatto queste sculture sono il risultato formale di una continua ricerca che non accetta compromessi per nuove relazioni tra forma e funzione. Il risultato è un design individuale, tagliente e geometrico, in armonia con le caratteristiche del materiale. Adolf Loos disse che "la decorazione è un crimine solo se la fai male." Si ritiene che quello che differenzia una signora da una prostitute è il rossetto, ed è proprio di questo che si occupa Sostilla: delicatezza, precision e decorazione, fatte nel modo giusto.

more info:
graf@studiosvs.eu



TOTHEM

Tessuto_umano è un progetto dedicato alla produzione artigianale di pelletteria. Prende forma intorno al 2011 da un'idea di Manola Stefani, all'epoca studentessa presso la facoltà IUAV di Treviso. Si tratta di accessori generati da un immaginario fortemente legato al corpo umano ed ispirati quindi da tutto ciò che è "fisico". Emerge così una predilezione per le borse, le quali diventano veri e propri body-adornment, appendici del corpo stesso. Ne richiamano i colori e le texture mantenendo però un netto contrasto formale, segnato da linee pulite e composizioni modulari. Materiali chiave per la realizzazione sono il cuoio e la pelle, generalmente utilizzati grezzi, oppure trattati per esaltarne i difetti, quali macchie o abrasioni, rendendo ogni borsa un pezzo unico come è unico ogni corpo con le proprie voglie e cicatrici. Ciascun accessorio è realizzato interamente a mano, dal prototipo al taglio della pelle, dall'assemblaggio alle rifiniture.

more info:
manolastefani@yahoo.it

Tessuto_Umano

La casa di moda Tothem, sostenitrice di uno stile neoesibizionista, fondata a Milano nel Giugno del 2012 esprime la mia volontà di trasferire - attraverso le moderne tecniche di stampa digitale su tessuti - composizioni fotografiche d'autore sui propri capi d'abbigliamento.
Tothem nasce quindi come il prodotto di una attenta manifattura italiana esaltata da una propria, peculiare ed autentica ricerca fotografica che incornicia ogni suo capo, ed invita i suoi interlocutori a lasciarsi andare alla gioia del colore. La realizzazione della prima capsule uomo per la primavera estate 2013 - "ROOTS"- concentra il suo immaginario nel mondo della frutta e della verdura, citazione all'artista Arcimboldo.
La capsule donna - "FLOS" - è dedicata in chiave dinamica al mondo dei fiori.
Tagli essenziali e delineati dei capi - raffinate stampe su tessuti di jersey e raso fluidi ed impalpabili, t-shirt e abiti accompagnati da bomber e short per formare un total look - ospitano i totem, espressione del talento fotografico ed artistico di Carolina Amoretti e Matteo Abbo.
I totem sono entità misteriose che ricordano caratteristiche umane ed animali, sono volti simbolici, maschere che raccontano le sfaccettature dell'ego; sono rivolti a coloro che metteranno in discussione le diverse entità che possono essere evocate, attraverso l'osservazione dei giochi fotografici proposti, come risultato della ricerca del proprio essere.
Le collezioni uomo e donna di Tothem saranno distribuite dal prossimo febbraio in più di 20 tra le migliori boutique del nostro Paese ed in tutto il mondo attraverso la collaborazione con il sito web www.luisaviaroma.com
Tothem offre da subito e con ambizione la possibilità di indossare vere e proprie opere d'arte in grado di comunicare una chiara sensibilità artistica che si nasconde dietro le sue stampe, e che coinvolge gli osservatori sotto il profilo emozionale.

more info:
info@thetothem.com

Tout Court Moi

Nome francese e creatività italiana, quella di Enrica Baliviera una giovane designer che ha coniugato il suo amore per Parigi alla tradizione artistica di famiglia. Tout Court Moi è una collezione di bijou e mascherine da notte o da viaggio dal gusto retro-chic realizzati assemblando manualmente accessori vintage selezionati tra bancarelle dei mercatini più cool di tutta Europa ed elementi fashion iper-attuali. Ogni accessorio Tout Court Moi è un pezzo unico ed ha una storia tutta sua da raccontare, risultato dell'unione tra gusto vintage e spirito contemporaneo, dell'equilibrio perfettamente calibrato fra estetica ed accostamenti cromatici. Questa armonia tra passato e presente rende i bijou di Tout Court Moi, non semplici gioielli da indossare ma elementi di creatività da vivere e interpretare in modo personale e irripetibile, mentre le sensuali mascherine da notte diventano strumenti per sedurre in modo irriverente. Per questo motivo gli accessori non vengono realizzati in base a collezioni stagionali, ma ogni creazione viene concepita nei momenti di ispirazione della designer, che esprime liberamente la propria vena artistica assemblando gli elementi di volta in volta a sua disposizione. Lo stesso spirito creativo pervade le donne che prima scelgono e poi indossano i bijou di Tout Court Moi: veri e propri elementi di personalità e carattere con cui giocare e osare per esprimere in modo autentico e personale il proprio stile e la propria femminilità. Ecco perché Tout Court Moi significa "semplicemente me stessa". Le creazioni di Tout Court Moi sono già state presentate in diverse gallerie ed esposizioni in Italia e a Parigi, suscitando grande curiosità e interesse, sia tra il pubblico che tra gli operatori di settore. Recentemente ha partecipato al "vintage selection" e al "vogue fashion night out" di Firenze. Si è associata a due prestigiose associazioni di Milano: Assomoda e Cool Hunter Italy con le quali ha partecipato al "cool hunter italy trade show" e al "who's next paris" all'edizione di Gennaio 2013.

more info:
toutcourtmoi@hotmail.com





Vendetta

Valentina Ninatti è la giovane designer italiana che tiene le redini del marchio Vendetta. Dopo la laurea in Textile Design allo Ied di Milano nel 2008, ha iniziato subito a lavorare nell'industria della moda. Dopo varie esperienze nel settore il desiderio di cimentarsi in qualcosa di unico e personale è diventato più forte, maturando così l'idea che avrebbe poi generato Vendetta. Nel 2010 avvia il progetto regalando nuova vita a capi vintage in denim, sperimentando con tipi di lavaggio diversi, decolorazione, stampa a mano, tintura e applicazione di borchie.
Vendetta nasce appunto come progetto DIY dall'attitudine punk, fortemente legato alla musica e alla cultura underground, primo amore e grande passione di Valentina. Con l'apertura del blog vendettarevenge.com stuzzica l'interesse di noti personaggi dell'ambito musicale cominciando così a collaborare con vari artisti quali il produttore Bob Rifo (Bloody Beetroots), Tommy Lee (Motley Crue), Dennis Lyxzen (International noise conspiracy, Refused, Invasionen), Morgan, cantautore polistrumentista italiano e giudice di X-Factor, la cantante britannica Yadi, e molti altri, personalizzando per loro dei capi da indossare. Da qui il progetto prende forma , e poco dopo, grazie anche all'incontro con Albert Candiani, erede della Candiani Denim, azienda leader nella tessitura dal 1938, è nata la voglia di unire passioni e conoscenze reciproche per dare vita ad una realtà più concreta e consistente.

more info:
info@vendettarevenge.com

Silvia Viganò

Silvia Viganò, cresciuta con una grande passione per la moda, l'arte ed il design, si laurea all' Istituto Marangoni di Milano in fashion design.
Ha lavorato per un certo periodo nel mondo della moda creando anche una propria linea di t-shirt, ma contemporaneamente si è dedicata alla pittura.
Nel 2008 nasce "Glam in Pink", mostra curata da Chiara Argenteri presso la galleria "Stragapede & Perini" di Milano.
Da quel momento si dedica totalmente all'arte, partecipando sempre nel 2008 alla collettiva "Un biglietto da new pop a no pop", curata da Igor Zanti presso la galleria "It' s my" di Milano.
Successivamente ha partecipato alla prima edizione milanese di "Arte accessibile" al Superstudio di Via Tortona.
Il 2009 si apre con "Exploration of thespirit " alla Art fusion gallery di Miami Beach (USA).
Lo stesso anno nasce la collaborazione con "Rugiano interior decoration" con la creazione di opere per gli showroom di Via Moscova a Milano, di Hong Kong e Mosca. In ottobre inizia il rapporto tuttora duraturo con la galleria "Gio Art" di Lucca con cui partecipa a 3 edizioni di "Arte Padova".
Dicembre 2009 : collabora con la galleria Mazzoleni di Bergamo per B.A.F 2010 e, in seguito espone nella loro galleria all interno del "Forte Village" di S. Margherita di Pula.
Nel 2011 inaugura la seconda personale intitolata "Silvia in Wonderland", curata sempre da Chiara Argenteri nella galleria Mazzoleni di Bergamo.
Settembre 2011: partecipa alla collettiva "Art Italien Contemporain" presso l'Espace Kiron di Parigi (Francia) .
Il 2012 inizia con "Arte Genova" tramite la galleria "Gio Art".
Ad aprile prende parte ad "Arte Accessibile" con il progetto "Fashion girls al gusto di frutta", curato da Alessandra Redaelli.
Ad ottobre presenta i suoi lavori alla fiera "Cutlog" di Parigi con l'associazione Arting 159, mentre a novembre è di nuovo alla nuova edizione di Arte Padova.
Hanno scritto sul suo lavoro diversi critici e curatori, tra cui Chiara Argenteri, Igor Zanti, Alessandra Redaelli, Ivan Quaroni.
Suoi lavori sono stati pubblicati sulle riviste Effetto Arte, Flash Art, Glamour e AD.

more info:
vigano.silvia@gmail.com